L'importanza del food service per l'esperienza cliente nella GDO

Pubblicato da Roberto Madaschi | aggiornato il 15 dicembre 2020
Roberto Madaschi
Mi puoi trovare su:

🕓 Tempo di lettura: 3 minuti

food serviceTra le sfide di fronte alla grande distribuzione organizzata, troviamo l’esigenza di migliorare sempre l’esperienza d’acquisto, offrendo servizi integrati con un impatto positivo sia sulla percezione della clientela, sia sul fatturato. La tendenza del food service risponde alla necessità della GDO di coinvolgere il pubblico, attraverso una proposta completa e di qualità.

Continua a leggere l’articolo per scoprire di cosa si tratta!

Food service nella GDO: caratteristiche e opportunità per il settore

Il food service è un’opzione complementare alla vendita di materie prime, sempre più apprezzata sia dai clienti sia dalle insegne che ne riconoscono il valore aggiunto.

Nata come un fenomeno isolato, oggi questa tendenza ha conosciuto una crescita esponenziale: la ragione è da ricercare anche nella trasformazione delle abitudini.

Il servizio food aiuta a raggiungere l’obiettivo di migliorare l’esperienza d’acquisto e incrementare il coinvolgimento del pubblico, aggiungendo alla vendita di prodotti di qualità un’integrazione nelle offerte.

L’idea è di adibire aree specifiche dei punti vendita a zone ristoro, piccole o strutturate, temporanee o permanenti. Si tratta di luoghi in cui è possibile degustare vini, aperitivi o fermarsi per un pasto completo, che si tratti della colazione, del pranzo o della cena.

New Call-to-action

La completezza dell’offerta è il valore aggiunto più importante del food service. I clienti possono anche acquistare un prodotto confezionato, già pronto ed esposto o richiesto al momento.

Il servizio food permette di rispondere a necessità e gusti più disparati, grazie a una proposta fresca, di qualità e controllata in ogni fase di produzione, dalla scelta di materie prime all’imballaggio.

Acquistare prodotti artigianali e genuini incrementa la percezione positiva del cliente rispetto all’offerta del punto vendita. Offrendo la possibilità di consumare un piatto pronto, le insegne hanno l’opportunità di arricchire l’esperienza d’acquisto, con ottimi risultati in termini di fidelizzazione.

food serviceIn uno scenario di profondi cambiamenti come quello attuale, coinvolgere i clienti guidandoli nel journey è fondamentale, ma non sufficiente per distinguersi dalla concorrenza.

Per ottenere un ritorno sull’investimento, è indispensabile cogliere le nuove opportunità e analizzare le tendenze del momento.

Alla base del successo del food service, c’è l’obiettivo di coccolare il cliente, accogliendolo in uno spazio rinnovato e regalandogli momenti di qualità, capaci di arricchire l’intera esperienza d’acquisto.

L’evoluzione del ruolo del consumatore - da soggetto passivo ad attore consapevole e informato - è la ragione che spinge le insegne della GDO a promuovere servizi complementari che rispondano alla necessità di mettere nel carrello un prodotto pronto e fresco oppure di consumarlo direttamente nel punto vendita, ottimizzando i tempi della spesa.

I casi di successo in Italia

In Italia, il food service è un fenomeno sempre più apprezzato da clienti e retailer che si sono dimostrati pronti a trasformare una tendenza in un servizio solido, integrato e in continua evoluzione.

È il caso di Eataly, catena specializzata nella vendita e nella distribuzione di generi alimentari, che ha fatto della sperimentazione di nuovi format il suo tratto distintivo. Nel punto vendita di Roma-Ostiense, ha da poco aperto Ristorante Terra, una cucina alla griglia che propone materie prime di qualità, da carne e pesce, a verdura e pasta. Il punto forte è la collaborazione con produttori locali, supportata dall’utilizzo di strumenti di qualità, come la griglia alimentata con carbone vergine.

Sempre a Roma, nel Conad City di viale Regina Margherita si trova Panieri, un locale che offre colazioni, pranzi e apertivi. In questo caso, da sottolineare è la tracciabilità delle materie prime: i prodotti sono gli stessi che i clienti trovano sugli scaffali del supermercato. La provenienza e i metodi di selezione di tutti gli ingredienti proposti nel menù sono comunicate per migliorare l’esperienza.


Nell’articolo di oggi, abbiamo analizzato le opportunità per le insegne della GDO che integrano il servizio food nei punti vendita. Oltre ad arricchire la proposta con un servizio innovativo, si risponde in modo puntuale alle esigenze della clientela, migliorando la fidelizzaizone e la redditivitità.

Se vuoi sapere di più sulle novità e le soluzioni per la grande distribuzione organizzata, prenota una consulenza gratuita!New Call-to-action

Argomenti: Retail, customer experience, gdo

Nel blog dedicato a retail & GDO, puoi trovare consigli utili e restare aggiornato sulle novità per gestire al meglio i tuoi punti vendita, digitalizzando i processi per incrementare l’efficienza.

Iscriviti al Blog Retail per ricevere le notizie direttamente nella tua casella di posta!

Iscriviti alla newsletter

New Call-to-action

Post Recenti