La gestione magazzino tra click & collect e ship from store

Pubblicato da Antonella Ratti | aggiornato il 22 aprile 2021
Mi puoi trovare su:

🕓 Tempo di lettura: 4 minuti

gestione magazzinoLa parola flessibilità è diventata protagonista durante l’emergenza sanitaria. I negozi di abbigliamento si sono dovuti adattare a una situazione inaspettata e nuova, che ha messo a dura prova le loro capacità di gestione magazzino, risorse, staff e soprattutto l’abilità nel reinventarsi.

In questo articolo, analizzeremo due servizi che continuano a caratterizzare questo momento storico: click & collect e ship from store.

La gestione magazzino influisce sulla soddisfazione dei clienti?

Decisamente sì. Avere una visione completa sulle scorte è indispensabile per offrire ai clienti un’esperienza di shopping frictionless, ovvero senza ostacoli, fluida e piacevole.

Monitorare i flussi della merce in entrata e in uscita è una delle attività da svolgere ogni giorno all’interno del punto vendita.

Il controllo delle scorte fornisce informazioni su:

  • ordini emessi
  • venduto della giornata
  • prodotti a disposizione

In questo modo, è possibile organizzare il riassortimento e avere la merce sempre a disposizione in base ai flussi previsti in negozio e online.

Si eviteranno così situazioni spiacevoli legate a prodotti mancanti o a una comunicazione inefficiente tra negozio online e fisico.

New Call-to-action

Bisogna sottolineare che nell’ultimo anno il mondo online e quello offline hanno subito una vera e propria fusione e il compito dei retailer è quello di garantire un’esperienza completa attraverso ogni possibile canale di vendita.

Ecco perché è cruciale gestire il magazzino in modo efficiente, soprattutto se l’obiettivo è integrare nuove opzioni d’acquisto come il click & collect e il ship from store.

Da omnichannel a unified commerce: la chiave per il successo

Oggi, lo shopping omnichannel non è più sufficiente per soddisfare i clienti sempre più esigenti. Ai retailer è richiesto di compiere un passo avanti, con l’obiettivo di dare all’utente ciò che vuole, dove, come e quando preferisce.

Click & collect e ship from store si collocano proprio in quest’ottica.

Il primo tipo di servizio dà al cliente l’opportunità di ordinare e pagare gli ordini online e di ritirali dove gli è più comodo.

gestione magazzino

Il secondo prevede un’evoluzione dei punti vendita, che si trasformano in una sorta di rete logistica.

Significa che gli ordini provenienti dai diversi canali di vendita vengono evasi utilizzando la merce del magazzino interno al negozio.

Se gestiti in modo ottimale, questi servizi permettono di offrire un’esperienza migliore e hanno un minore impatto sull’ambiente, perché evitano ai corrieri di effettuare lunghe percorrenze per consegnare gli ordini. La merce viene infatti spedita dal negozio più vicino o è il cliente stesso a ritirarla.

Inoltre, in un periodo come quello attuale, queste modalità di acquisto riducono il contatto tra le persone, perché si limitano gli afflussi e si utilizzano i pagamenti elettronici.

E se non c’è un controllo adeguato sul magazzino?

Per poter implementare questi servizi senza problemi, è evidente quanto sia importante avere una visione completa dello stock.

Se così non fosse, potrebbero presentarsi situazioni spiacevoli come:

  • incongruenze tra disponibilità online ed effettiva presenza a magazzino
  • dilatazione dei tempi di consegna
  • prodotti mancanti o che non si possono riassortire
  • insoddisfazione del cliente e conseguenti lamentele

Altro elemento imprescindibile è la formazione. In un’ottica di commercio unificato, lo staff deve essere coinvolto in ogni processo e preparato a gestire diverse modalità di acquisto, utilizzando gli strumenti digitali adeguati.

In caso di ship from store, lo staff non deve occuparsi solo di raccogliere gli ordini, ma anche di spedirli dopo avere preparato i pacchi.

Per quanto riguarda il click & collect, sono fondamentali la visibilità sugli ordini e la possibilità di aggiornare la merce in uscita, gli eventuali resi e i cambi prodotto in modo istantaneo.

Lo staff deve quindi acquisire competenze nuove ed essere supportato dalle tecnologie necessarie per far fronte a ogni evenienza.

I software gestionali innovativi permettono di ottimizzare le scorte e possono raccogliere e analizzare un’enorme quantità di dati utili, per decidere ad esempio:

  • da quale il negozio spedire la merce
  • come ottimizzare le spese e i costi
  • come organizzare le spedizioni
  • come gestire i riassortimenti in base agli acquisti effettuati nei singoli negozi

Un software integrato per la gestione magazzino aiuta a evitare merce mancante o in eccesso, situazioni che possono tradursi in perdite economiche ingenti o mancati guadagni. Vuoi scoprire la piattaforma più completa per il fashion retail?

Prenota una demo gratuita della soluzione Cegid!

New Call-to-action

Nel blog dedicato al settore, puoi trovare consigli utili e restare aggiornato sulle novità per gestire al meglio i tuoi punti vendita fashion retail, digitalizzando i processi per incrementare l’efficienza.

Iscriviti al Blog Fashion per ricevere le notizie direttamente nella tua casella di posta!

Iscriviti alla newsletter

New Call-to-action

Post Recenti